da La Repubblica

Approda a Torino Movimenta la start up di innovazione politica

25 luglio 2018

Al primo incontro l’ex assessore Curti, Enrica Baricco, l’europarlamentare Viotti e Bruno Segre

Approda a Torino Movimenta, la start up di innovazione politica nata a Roma nell’autunno del 2017. Nell’aula magna della Pinacoteca albertina, oggi pomeriggio, si l’incontro tra i componenti dell’associazione e alcuni esponenti della società civile. L’obiettivo è avviare un confronto: “Vogliamo partire dall’idea del lavoro come elemento centrale di dignità e espressione dell’individuo e per la costruzione di una società aperta e dinamica” spiega Alessandro Fusacchio, segretario nazionale di Movimenta e parlamentare di +Europa, eletto nella circoscrizione estero. “Ci interessano le esperienze, anche molto diverse tra loro – prosegue Fusacchia – per mettere insieme pezzi di classe dirigente e diventare un laboratorio di progetti e formazione politica”. Alla tappa torinese Movimenta ha invitato, in una sorta di Jam session del jazz l’ex assessore Ilda Curti, l’imprenditore e  co-fondatore  di  Arduino  Massimo  Banzi, e l’avvocato Bruno Segre, partigiano, antifascista e paladino dei diritti umani,  Davide  Canavesio,  presidente  di NexTo,  l’europarlamentare  Daniele  Viotti,  Carola  Coppo,  consigliere  Ivrea  Calcio dove si occupa della scuola calcio femminile.   Paola Matossi, responsabile comunicazione e marketing del Museo Egizio, Enrica Baricco, fondatrice di CasaOz, MagazziniOz e consigliere regionale,  Francesca  Comisso,  co-fondatrice  di  a.titolo,  Ivano  Zanchetta,  cofondatore  dello  studio  34BigThings  e  Alessandro Avataneo,  regista  e  docente  della  Scuola Holden. “Noi crediamo nella contaminazione tra persone che vengono a raccontarci la loro esperienza – conclude il segretario nazionale – ci interessa l’ingaggio fisico, perché se si è rotto il patto con la società, non possiamo certo pensare di ricostruirlo su Facebook”.

Vai all'articolo