Lettera a Tajani: da Sosnierz parole inaccettabili sulle persone omosessuali

20 marzo 2019

Gentile Presidente Tajani,

Noi, colleghi del Parlamento europeo, Le scriviamo per chiederLe di prendere provvedimenti disciplinari a carico dell’Eurodeputato Dobromir Sosnierz rispetto ai suoi commenti razzisti ed omofobi che ledono i Diritti Fondamentali delle Persone di Discendenza Africana espressi durante la plenaria del 14 marzo.

L’Eurodeputato Dobromir Sosnierz, infatti, ha chiaramente usato un linguaggio razzista ed omofobo durante il dibattito in plenaria affermando, inoltre, che l’omosessualità è “una devianza”.

Il discorso del Signor Sosnierz esprime razzismo ed omofobia: sentimenti e comportamenti inaccettabili per un deputato del Parlamento europeo.

Il razzismo, l’omofobia e tutte le altre forme di discriminazione sono violazioni gravi del principio di democrazia e del rispetto dei diritti umani, delle libertà fondamentali e dello stato di diritto. È imperativo che tutti noi ci impegniamo per combattere l’intolleranza. Noi tutti speriamo che Lei agisca in merito, applicando il nuovo Regolamento, in particolare l’Articolo 11 che si riferisce al concetto di “linguaggio offensivo” e la sua interpretazione da parte della Corte.

Nell’attesa di un suo rapido riscontro,

Cordiali saluti.

 

Marie-Christine Vergiat

Soraya Post, Co-Presidente dell’Intergruppo anti-razzismo e diversità del Parlamento Europeo

Terry Reintke, Co-Presidente dell’Intergruppo del Parlamento europeo per i diritti LGBTI

Daniele Viotti, Co-Presidente dell’Intergruppo del Parlamento europeo per i diritti LGBTI

Tanja Fajon, Vicepresidente dell’Intergruppo del Parlamento europeo per i diritti LGBTI