Bilancio UE: la Commissione compila il compitino

2 maggio 2018

Oggi Juncker ha presentato la proposta del nuovo quadro finanziario dell’Unione europea.

Non solo non ci sono ambizioni, ma si vedono solo paure.

Paura delle migrazioni, paura di non essere abbastanza sicuri, ma nessuna paura di non essere in grado di affrontare il futuro.


Tagli – inaccettabili – per la politica di coesione, il vero motore della crescita e dello sviluppo, significano tagli ai nostri Comuni, alle imprese medio piccole, ai giovani e alla lotta alla disoccupazione.
I piccoli incrementi su Erasmus e sulla ricerca non possono in alcun modo coprire la totale assenza di visione politica.
In questo contesto fa sorridere l’impegno in favore dell’interrail, progetto che non può essere finanziato a scapito di programmi più importanti. Ci preoccupiamo di far viaggiare i giovani ma non di trovar loro un lavoro.
Oggi abbiamo visto una Commissione che compila il compitino dettato dai Capi di Stato e di Governo.